ENRICO E MARIO MEREGALLI

Mario ed Enrico Meregalli erano il primo e il secondo dei figli di Aurelia Monguzzi, vedova e madre di un altro maschio

e di una femmina. Dall'1 all'8 marzo 1944, in tutto il Nord Italia, si svolge uno sciopero generale sostenuto da tutti i partiti antifascisti. Un milione di lavoratori scese in lotta; le fabbriche furono bloccate, tecnici ed impiegati scesero in sciopero al fianco degli operai. Per quanto riguarda la motivazione dell'arresto la pubblicazione Storia della resistenza biassonese

li definisce "scioperanti". Il convoglio che li portò a Mauthausen arrivò al lager l'11 marzo 1944. Mario Meregalli, nato il 9 ottobre 1915 a Biassono. Operaio meccanico. Matricola a Mauthausen 57.269. Trasferito a Gusen vi muore il 12 marzo 1945. Enrico Meregalli, nato il 13 novembre 1917 a Biassono. Operaio. Matricola a Mauthausen 57.268. Enrico fu decentrato a Ebensee il 25 marzo 1945 dove spirò il 21 aprile successivo.

Mauthausen 
Gusen
Ebensee